Mettiamo la Psicologa dott.ssa Maria Lulia Carnesi... sul lettino!

by Redazione Psicologo360 8. febbraio 2012 14.00

 

Conosciamo un pò di più la dott.ssa Maria Lulia Carnesi

Qual è la tua specializzazione? Sono una Psicologa specializzata in età infantile ed adolescenza; da molti anni infatti mi occupo di sostegno e consulenza per questa fascia d’età con ottimi risultati. Inoltre mi sto specializzando in Psicoterapia Espressiva, frequento l’ultimo anno,  presso l’Istituto Art Therapy di Bologna.

Progetto e conduco laboratori di Art terapia per  bambini, adolescenti ed adulti. Il mio strumento terapeutico è appunto l’Arte Terapia, canale privilegiato soprattutto nel lavoro con i minori.

Inoltre sono anche una  Formatrice, ho un Master in Formazione e Gestione delle Risorse Umane e mi occupo di Consulenza e Formazione per grandi aziende Pubbliche e Private.

 

Meglio la vita di coppia o quella da single? Sicuramente meglio la vita di coppia; le relazioni nella vita di un individuo sono tutto; ci permettono di conoscerci meglio e di maturare, soprattutto ci danno la possibilità di confrontarci e di aprire la nostra mente. Credo assolutamente che delle buone relazioni  nascano soprattutto dalla nostra capacità di stare con noi stessi e di mantenere la nostra individualità senza farci annullare dall’altro. In questo caso la relazione è assolutamente distruttiva e può creare spesso situazioni di dipendenza  ed annullamento per l’altro. Sono convinta  che le relazioni produttive  siano quelle nelle quali entrambi gli individui mantengano la loro personalità portando avanti le proprie idee con assertività e maturità,  si fondino sul rispetto dell’altro e sulla collaborazione continua.

Il più grande successo e il più grande fallimento della tua vita (fino ad ora...) Il mio più grande successo è stato riuscire a vivere con me stessa ed a superare i conflitti interni causati dalla crescita e dai cambiamenti psico evolutivi; credo che riuscire a superare i nostri turbamenti e le nostre inquietudini ricavando da questi solo le risorse sia una grande vittoria personale. Inoltre penso che la vita sia fatta ogni giorno di prove dove, sia il successo che il fallimento possano darci la possibilità di mettersi in gioco e ricavarne sempre il meglio.

Per rilassarsi, meglio un film, un romanzo o otto ore filate di sonno? Amo molto rilassarmi davanti ad un bel film magari biografico, ma adoro assolutamente leggere bevendo un ottimo te verde; la lettura ti permette di viaggiare con la mente e con la fantasia. Sinceramente non nego che anche le otto ore filate di sonno  siano male!!

Che rapporto hai con internet e con le nuove tecnologie? Sono un’appassionata di internet e della tecnologia; mi stimolano molte le nuove ricerche e le nuove scoperte tecnologiche; fortunatamente sono stata sempre molto portata all’uso di tutto ciò che sia tecnologico e grazie al mio intuito me la sono sempre cavata bene.

Sei iscritto a facebook o a google+? Sono iscritta a Facebook  soprattutto perché ho avuto modo di ritrovare amici che abitano o che si sono trasferiti dall’altra parte del mondo, in questo modo posso sempre sapere come stanno e come stanno vivendo.

Sui Social Network l’amicizia è reale o virtuale? Penso che la gestione delle amicizie attraverso i social network dipenda assolutamente da noi, come tutto il resto; per esempio li trovo molto utili per  mantenere dei rapporti con persone che vivono lontano, o che non è possibile incontrare a causa della distanza come nella mia esperienza; però è importante non scambiare questa modalità telematica come un’alternativa al rapporto di tutti i giorni, evitando così di incontrare gli amici e andare a prendersi un bel te al bar e fare una bella chiacchierata!

Essere felici per te significa...? Per me la felicità è godersi ogni attimo della vita essendo se stessi, trovando la soddisfazione in quello che si fa e vivendo appassionatamente ogni giorno. Il mio lavoro che amo mi dà veramente la felicità soprattutto quando sento di essere stata utile per gli altri.

Entra ora in contatto con la dott.ssa Maria Lulia Carnesi

 

 

Mettiamo la psicologa Simona Capurso... sul lettino

by Redazione Psicologo360 21. luglio 2011 15.53

 

 Conosciamo un po' di più la dott.ssa Simona Capurso

 

Qual è la tua specializzazione? Mi occupo di Selezione del Personale, Formazione, Gestione delle Risorse Umane e Assessment. Seguo inoltre le coppie che affrontano il percorso della Procreazione Medicalmente Assistita.

Meglio la vita di coppia o quella da single? Personalmente preferisco la vita di coppia, anche se più faticosa. Mi piace condividere, fare progetti e pensare al futuro insieme.

Il più grande successo e il più grande fallimento della tua vita (fino ad ora...)? Il più grande successo della mia vita è senza dubbio mia figlia che ogni giorno mi regala emozioni incredibili, è un’iniezione di vita. Come diceva Alessandro Manzoni: “tre cose ci sono rimaste del paradiso: i fiori, le stelle e i bambini”.Il più grande fallimento l’ho avuto quando una persona importante si è mostrata diversa da come pensavo.

Per rilassarsi, meglio un film, un romanzo o otto ore filate di sonno? Per rilassarsi sicuramente un buon libro aiuta molto

Che rapporto hai con Internet e con le nuove tecnologie? Internet è sempre più al centro della vita di ognuno di noi. Io lo utilizzo quotidianamente come strumento per comunicare, reperire informazioni e fare ricerche, ma anche per lo sviluppo del mio lavoro. Le nuove tecnologie in genere mi affascinano e cerco di essere sempre aggiornata.

Sei iscritta a Facebook o a Google+? Sono iscritta a Facebook da qualche anno e lo uso spesso, soprattutto per tenere un contatto con amici lontani e per condividere foto e momenti belli.

Sui Social Network l’amicizia è reale o virtuale? L’amicizia, quella vera vuole sempre un contatto diretto e concreto con le persone. Il Social Network permette di mantenere viva un’amicizia creata in passato, oppure di entrare in contatto con nuove persone che necessariamente poi bisogna conoscere.

Essere felici per te significa...? La felicità è uno stato d’animo, un’emozione… anche breve, passeggera. Un momento nel quale si apprezza ciò che si ha. Si, secondo me per essere felici bisogna imparare ad apprezzare quello che siamo stati capaci di costruire.

 

 

Entra ora in contatto con la dott.ssa Simona Capurso

 

 

 

Commenti recenti

Comment RSS

Psicologia e Letteratura