Infertilità maschile: possibili cause e rimedi

by Redazione Psicologo360 4. settembre 2011 23.27

L'infertilità maschile è una patologia che affligge sempre più uomini al giorno d'oggi molto spesso inconsapevoli di tale deficienza. In passato si riteneva che la mancanza di concepimento dipendesse soprattutto dalla donna e che la responsabilità fosse in un non perfetto apparato riproduttivo femminile. Gli studi condotti negli ultimi anni hanno invece dimostrato che almeno nel 50% dei casi è l’uomo ad avere problemi di capacità riproduttiva. Prova ne è l’incremento progressivo della richiesta di analisi del seme maschile dalla fine degli anni ’60 ad oggi. Secondo i dati recenti sono quasi cinquemila le richieste annuali di analisi seminali, mentre solo alla fine degli anni ’60 non si arrivava nemmeno a 500 richieste l’anno.

Si può distinguere tra infertilità maschile primaria, quando l’uomo non ha mai avuto figli, e infertilità maschile secondaria, quando l’uomo ha già fecondato una donna (partner attuale o precedente). In questo secondo caso, normalmente le possibilita’ di recuperare la fertilità sono maggiori rispetto all’infertilità primaria.

infertilità maschile

E’ difficile stimare la percentuale di coppie infertili nel mondo e in Italia, ma secondo una stima dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, circa il 10-20% delle coppie nei paesi industrializzati soffre di problemi di fertilità.

Per quanto riguarda in particolare l’infertilità maschile in Italia, gli uomini pur avendo un maggiore senso di responsabilità, nella quasi totalità (90%) non fa prevenzione e non si sottopone a visite dall’andrologo per terapie preventive e cure temporanee.

Un secondo dato preoccupante è che ben la metà degli uomini italiani non si sottopone a visita andrologica nemmeno dopo una diagnosi di infertilità. Anche se l’infertilità maschile diventa oggetto di attenzione da parte degli uomini solo nel momento in cui cercano un figlio, si potrebbe già accertare l’eventuale problema in età giovanissima.

Durante la visita di leva, si scopre che il 10-20% dei ragazzi soffre di varicocele. Intorno ai 18 anni, 1 ragazzo su 2 è a rischio infertilità.

La fertilità maschile dipende in gran parte dal numero e dalle caratteristiche degli spermatozoi nel liquido seminale. Se sono del tutto assenti, oppure sono tutti morti o malformati, si parla di sterilità; se invece ci sono spermatozoi sani ma in numero inferiore alla norma, si parla di subfertilità.

Le cause della infertilità sono diverse. Nella maggior parte dei casi all'origine c'e un difetto del testicolo che impedisce la normale produzione di spermatozoi. Può trattarsi di un difetto congenito. Altri difetti possono crearsi con gli anni in seguito ad intossicazioni, alla somministrazione di alcuni farmaci, ad esposizione prolungata a radiazione o alle alte temperature.

La seconda causa in ordine di inportanta è il varicocele, cioè la presenza di una forma varicosa delle vene dello scroto: interferisce con la produzione degli spermatozoi aumentando la temperatura del testicolo interessato.

 

Per approfondimenti o per un consulenza psicologica online contatta subito i nostri esperti psicologi!


Add comment

  Country flag

biuquote
  • Comment
  • Preview
Loading

Commenti recenti

Comment RSS

Psicologia e Letteratura